Milano con la testa mozzata

Gucci, che ha mandato in passerella con la sua collezione del prossimo autunno-inverno una modella con in mano il calco della propria testa mozzata, è stato il riassunto di queste ultime sfilate. Oltre ad essere stato l’episodio più discusso di questa settimana della moda. Segno che se Alessandro Michele, designer del marchio fiorentino, non ha fatto centro con la portata principale, gli abiti, lo ha fatto con il contorno.

Gucci_001_20180222124359

A parte qualche festa ambita dai presenziasti ed esibizionisti, come quella di Moschino o quella in cui Anna Dello Russo ha messo all’asta per beneficenza alcuni pezzi del suo mega guardaroba, Milano è stata inespressa, mozzata.

Fendi ha provato a fare una cosa nuova: fondere il proprio marchio con quello di abbigliamento sportivo Fila, sancendo così una collaborazione per una piccola collezione di abbigliamento e di accessori.

KIM_0109_20180222151354

Dolce & Gabbana hanno puntato sui soliti pezzi e abbinamenti in chiave ludico-kitsch, con qualche punta di assoluta bellezza.

KIM_4246_20180225175720

Versace, dopo la sfilata evento di settembre con le top anni ’90 e tutti i capi iconici di Gianni, per celebrare i vent’anni dalla sua scomparsa, è tornato alla stessa formula tragica: pezzi d’archivio a profusione e qualche sporadica bella novità.

_VER0739_20180223223051

_VER0693_20180223222852

Prada ha cambiato ancora una volta, rimanendo fedele ad alcuni capisaldi: il tessuto lucido, il logo, le calze a metà polpaccio, gli stivali di gomma. E sia benedetta e lodata sempre e per sempre.

_MON0012_20180222234855

_MON0060_20180222234842

_MON0556_20180222235101

(Immagini da vogue.it)

Leave a Reply

Your email address will not be published.